5 ragioni per cui non facendosi supportare da un’Assistente Virtuale si rischia di distruggere la propria azienda.

 

“Non si occupa solo di compiti al mio posto, ma li porta avanti meglio e più velocemente di quanto io avrei mai potuto!”

Queste sono le parole del guru del Marketing di Facebook, Jeff Wideman, un consulente di marketing autonomo che sta vivendo crescite d’affari da record. E una considerevole parte del suo successo la deve alla sua Assistente Virtuale.

Tuttavia, esistono eserciti di piccoli imprenditori, consulenti e liberi professionisti che stanno, ancora oggi, portando se stessi e la loro azienda verso il baratro perché ancora non abbastanza saggi da fare il passo di contrattare una assistente virtuale e rendere, in questo, modo più fiorenti e redditizi i loro affari.

In questo articolo scopriremo le cinque fondamentali ragioni per le quali un imprenditore distrugge piano piano la sua azienda non avendo una assistente virtuale dedicata nel suo team e quali sono le azioni da intraprendere per cambiare questo stato di cose.

La vita di un imprenditore probabilmente si riassume in scenari che toccano le seguenti tre aree nelle quali quasi tutti i piccoli imprenditori si muovono costantemente per poter stare a galla:

  1. Produttività
  2. Fattore denaro
  3. Demandare parte del controllo

Andiamo ad analizzarle piu’ in dettaglio…

Produttività

Distruttore di Azienda #1: Una “to-do-list” senza fine

Mentre l’imprenditore sta desiderando che il giorno sia costituito da più di 24 ore, la realtà è che la sua azienda si sta muovendo velocemente. Per stargli dietro egli ha bisogno di segmentare la sua giornata e di avvalersi di un aiuto professionale come quello che una assistente virtuale puo‘ offrirgli.

Azione da intraprendere: contrattare una assistente virtuale che si occupi del tempo che perde nel portare avanti compiti quotidiani ripetitivi.

E’ importante creare una “to-do-list” settimanale di compiti da affidarle. I compiti posso essere vari: dalla gestione delle email al data entry, dalla ricerca su internet all’organizzazione dei viaggi..tutti compiti che rallentano la produttività dell’imprenditore se li porta avanti da solo.

Una assistente virtuale può, cosi, facilmente regalare ore libere alla giornata dell’imprenditore. Egli avrà cosi tempo libero per poter, ad esempio, lavorare al suo nuovo e-book, a sviluppare un nuovo prodotto o ad aggiungere un nuovo servizio da proporre ai suoi clienti.

Fattore denaro

Distruttore di azienda #2: Troppe spese

Molte imprese a un certo punto si trovano di fronte a un bivio: da una parte la prospettiva di poter crescere, dall’altra il timore per la transizione. I costi aumentano e nello stesso tempo devono mettere un freno alle spese.

A questo punto servirebbe l’aiuto di una assistente virtuale ma, nello stesso tempo, non si riesce a intravedere come si possano trovare i soldi per contrattarla. Cosi’ si continua a portare avanti da soli tutti i vari compiti quotidiani creando una stasi negli affari dell’azienda.

Azione da intraprendere: Contrattare una assistente virtuale che, inizialmente, lavori per solo per un minimo di ore stabilito, da adeguare poi, in futuro man mano che il la crescita dell’azienda lo richiede. Tantissimi imprenditori sono rimasti piacevolmente sorpresi nello scoprire che contrattare una assistente virtuale è molto piu’ economico di quanto si pensi inizialmente .

L’equazione spesa-beneficio è semplice:

Consideriamo, per esempio, che il tempo dell’imprenditore valga € 100/ora quando porta avanti compiti come aumentare i ricavi della sua zienda o acquisire nuovi clienti.

Il problema, però, è che anche quando sta portanto avanti gli ordinari servizi di segreteria quotidiani (come, per esempio, rispondere a delle email) egli sta utilizzando il suo tempo a € 100/ora, mentre invece potrebbe farli portare avanti ad una assistente virtuale pagandola €20/ora.

Nel lungo periodo ma anche nel breve si avrà un ritorno sull’investimento di € 80/ora.

Quindi contrattare una assistente virtuale non è un costo addizionale ma, bensì, un ricavo aggiunto per la propria azienda!

Il tempo è il bene necessario numero uno per la crescita della propria azienda. E l’imprenditore ha bisogno di questo tempo per trovare nuovi clienti, aumentare i ricavi e fare le cose più efficientemente.

Distruttore di Azienda #3: Assumere personale dipendente troppo presto

Quando gli affari cominciano ad aumentare c’e‘ la tentazione di crescere più velocemente. Per far ciò le aziende cominciano ad assumere personale dipendente.

Ma assumere troppo presto è un enorme rischio e puo‘ rivelarsi deleterio per l’andamento dell’azienda. Se non si dispone ancora di parametri e processi di valutazione, si potrebbe assumere qualcuno che non si plasma con la propria cultura aziendale e che potenzialmente non è in grado di portare avanti il lavoro per cui lo si sta assumendo. Esiste una valida opzione all‘ assunzione di personale dipendente full-time.

Azione da intraprendere: Contrattare una assistente virtuale part-time per portare avanti quei carichi di lavoro che si presentano solo per brevi tempo e in periodi determinati.

Essendo dei lavoratori autonomi, le assistenti virtuali vengono pagate solo per le ore effetivamente lavorate,invece di percepire uno stipendio fisso per 40 ore settimanali. Quindi le aziende che si avvalgono della collaborazione di questa figura professionale,non solo risparmiano sui contributi ma anche sui costi che, assumendo personale fisso, dovrebbero sostenere per nuovi computers, nuovi spazi lavoro all’interno dell’azienda, ecc.

Un assistente virtuale ha un suo ufficio completamente attrezzato ed è, inoltre, una comprovata professionista.

Demandare parte del controllo

Distruttore di azienda #4: Fare tutto da solo

Non voler delegare e’ un modo di pensare profondamente sbagliato. Denota solo la paura dell’imprenditore di perdere parte del controllo sui suoi affari.

Mentre, invece, potrebbe trarre un enorme beneficio nell’avere qualcuno che lo “assista” nel portare avanti l’azienda piu’ efficientemente. Facendo tutto da solo rischia invece di precludersi delle opportunità..

Esempio: passando 2 ore al giorno a leggere e a rispondere a email, l’imprenditore sta “togliendosi” del tempo prezioso che potrebbe utilizzare nella ricerca di nuovi clienti o lavorando con i suoi soci in affari per far crescere i suoi guadagni.

Domanda: è piu’ di beneficio che spenda il suo tempo per rispondere a delle email o per sviluppare la sua azienda in modo da far aumentare i suoi ricavi?

Azione da intrarendere: Contrattare un assistente virtuale per un periodo di prova di 30 giorni e scoprire, così, i benefici del non dover fare tutto da solo.

Distruttore di azienda #5: “Bruciarsi” velocemente per l’eccessiva mole di lavoro

Sicuramente si pensa chesi possa rendere per 80 ore alla settimana per raggiungere il successo come imprenditore. Tuttavia, il „crollo“ e’ quello che, invece, poi succede a tantissimi imprenditori ad ogni stadio del loro business.

Gli esseri umani hanno bisogno di sonno. Lavoriamo meglio quando il nostro cervello è riposato e funzionale. Quando ci “bruciamo”, invece, perdiamo efficienza personale e professionale.

Azione da intraprendere: Contrattare una assistente virtuale che sollevi da alcune pressioni, in modo da poter riposare ed evitare di “bruciarsi”.

Pronti a smettere di distruggere la propria azienda?

Potreste aver appena letto una o tutte le ragioni per cui non contrattando un assistente virtuale si rischia di distruggere la propria azienda.

Il consiglio è di intraprendere le azioni che vengono consigliate in questo articolo. Si può iniziare subito e una volta demandato si apprezzerà il tempo che si avrà per focalizzarsi su quelle che sono le aree più importanti della propria azienda e del proprio giro di affari.

Tuttavia, se ancora non si è convinti, forse si ha bisogno di essere brutalmente onesti con se stessi nel chiedersi:

“Per quanto tempo ancora ho intenzione di andare avanti a distruggere la mia azienda?”

Se si vogliono raggiungere gli obiettivi che ci si è proposti col creare la propria azienda ,non c’è momento migliore di adesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *