INSICUREZZA: L’ASSASSINO DI SOGNI E METE!

Quando eravamo bambini, prima che adottassimo e assorbissimo convinzioni, credenze e  opinion di chi ci stava attorno, sognavamo in grande. Paura e insicurezza, se eravamo fortunati, non facevano parte del nostro mondo.

Poi si cresce e le credenze, le convinzioni, le paure di chi ci circonda fanno nascere in noi, spesso, quelle insicurezze che spesso sono alla base dei nostri fallimenti. Queste si insinuano nella nostra testa, nel nostro essere e possono portare a disastrosi effetti che ci seguono a lungo termine nel nostro percorso di vita. E di base il seme dell’insicurezza, il dubbio, viene piantato dagli ALTRI nella nostra mente. Infatti, sfortunatamente, quando siamo bambini, non abbiamo un filtro e quindi recepiamo quello che gli altri dicono di noi come verità

L’insicurezza è infida. Si insinua subdolamente, gradualmente e comincia ad erodere I nostri sogni. Una volta che cominciamo a dubitare di noi stessi e delle nostre abilità, cominciamo anche a cercare scuse e prove a supporto dei nostri dubbi. E più ragioni e prove troviamo a supporto del fatto che non “possiamo fare questo” o che non siamo “bravi abbastanza per arrivare a quello”,  meno probabile diventa per noi raggiungere i nostri sogni e  le nostre mete.

Si…l’insicurezza è l’assassino dei sogni…

MA…

… abbiamo una scelta.

Possiamo lavorare per rimuovere le nostre insicurezze..o possiamo rimanere lì, fermi, paralizzati e usare questo come scusa per non vivere al massimo e appieno la nostra vita..

Io ho scelto di lavorarci.

Dura? SI. Doloroso? Indovinate. Ne vale la pena? ASSOLUTAMENTE.

Sono passata dall’essere insicura, timida e dall’usare un mare di scuse per non rischiare di vivere la mia vita come avrei voluto, all’essere convinta di me stessa, convinta di cose che taluni non approvano, all’essere aggressiva a volte, verbalmente, e sono stata anche chiamata “antipatica” da chi mi circonda. Ora capisco che le donne forti e sicure di sè sono una minaccia per chi i piedi non li ha cosi ben saldi al suolo. Per coloro che vivono nella paura e nel dubbio. Per coloro che sono imprigionati nelle loro insicurezze e, anzi, le usano per non fare la fatica di vivere una vita migliore…per viverla appieno.

Ma come si passa da persona insicura a persona che lotta per raggiungere i suoi sogni, le sue mete?

Il lavoro che sto facendo io si sviluppa nei seguenti punti:

Ho smesso di preoccuparmi del giudizio altrui (a volte, confesso, ci ricasco..ma piano piano quelle volte diventano sempre più rare)

Quando ci preoccupiamo di quello che GLI ALTRI pensano di noi, e il loro giudizio ha il sopravvento su ciò che noi pensiamo di noi stessi, siamo destinati a pensare di dover vivere “in piccolo”. Abbiamo talmente paura di correre il rischio di essere sottoposti al giudizio ALTRUI che smettiamo di esporci, di provare e, al contrario, ci “nascondiamo”.

Smettendo di pensare, preoccuparmi e fregarmene di ciò che GLI ALTRI possono pensare di me, mi fa sentire focalizzata sul cammino per diventare una versione migliore di ME stessa, e alcuni aspetti della mia vita già sono cambiati enormemente. Non sono ancora soddisfatta pienamente ma so che lavorando duro arriverò ad esserlo (intanto ho imparato a stare bene anche da sola…. e questo mi fa sentire molto più sicura di quanto mi sentissi quando basavo la mia serenità sulla dipendenza da un altro essere). Quello che faccio spesso è ricordare a me stessa che coloro che erano “pietre preziose incastonate nell’anello delle insicurezze”  non stavano bene con se stessi e non vivevano felicemente la loro vita e quindi spettegolavano e giudicavano gli altri per sentirsi meglio…Mi spiace tanto per loro, ma questo pensiero rafforza la mia volontà di smettere definitivamente di preoccuparmi di come gli altri mi vedono.

Ho smesso di paragonarmi ad altri

L’insicurezza è aggravata quando tendiamo a paragonare noi stessi ad altri. Sarò mai Monica Bellucci recitando accanto ad attori famosi, diretta da grandi registi, bellissima e desiderata e acclamata da folle di fans? NO! MA IO NON SONO Monica Bellucci! E’ importante smettere di misurare i nostri successi paragonandoli con quelli degli altri e iniziare, invece, a misurarli paragonandoli alle capacità che pensavamo di non avere e invece..tatataaaa..sorpresa! Paragonare noi stessi ad altri ci fa solo sentire male, quindi: smettiamo di farlo!

Cerco di circondarmi di gente che fa il tifo per me

Lasciare le insicurezze per diventare più sicuri di sé comporta anche scelte, a volte, che non sono facili da fare. Una di queste è non essere più disposti a circondare sé stessi di gente che non vuole il meglio per noi, che non ci fa sorridere, che prova piacere nel vederci vivere “in piccolo”. Così alcuna gente va rimossa dalla nostra vita, per forza e per scelta. Ora a me piace passare il mio tempo e confrontarmi con gente che mi fa sentire importante, che mi incoraggia, che mi supporta, e che è lì a aiutarmi a rialzarmi quando cado. Questa è la gente che MI FA STAR BENE, e sentirsi bene è l’energia dominante che dobbiamo cercare..LO DOBBIAMO A NOI STESSI.

Do credito a me stessa

Avere consapevolezza di quello che so far bene, di quello che imparato e migliorato nel tempo, è una parte “chiave” di questo viaggio. Quando siamo profondamente insicuri, non siamo capaci di dare fiducia a noi stessi per tante cose. Addirittura cerchiamo di sfuggire dal fare anche quelle cose che sappiamo fare impeccabilmente! Quello che ho fatto e sto facendo io è riconoscere le cose che so far bene, e ricordare spesso a me stessa tutti i passi avanti che ho fatto in vari aspetti della mia vita. E’ un po’ come diventare supporter di se stessi..

Cerco di smetterla di focalizzarmi sui miei difetti

Quando ero piena di insicurezze, tendevo a rimuginare sui miei difetti. Ci pensavo continuamente. Mi focalizzavo sulle cose che NON VOLEVO e finivo sempre per attrarre proprio quelle cose! Con l’aiuto di tanti libri di chi ha il potere con le parole di darti la spinta che ti serve verso l’auto-motivazione, ho cominciato  a capire che ciò di cui avevo bisogno, invece, era di focalizzarmi solamente sulle cose che VOLEVO imparare o raggiungere. Ora ogni volta che inizio a pensare ai miei difetti, chiudo gli occhi e cerco di pensare alle cose che voglio, piuttosto che a quelle che non voglio. E’ una pratica che necessita tanto tempo prima che diventi automatica, ma aiuta tanto nei momenti in cui le insicurezze cercano di tornare a romperti le scatole! 😊.

 

Insomma, non porta nessun tipo di vantaggio a TE STESSO vivere “in piccolo”, tenerti nell’ombra, per paura di ciò che potrebbe succedere. Non creiamo la vita che vorremmo vivere sulle aspettative degli ALTRI, permettendo loro di indicarci la nostra strada, e rimanendo nella “zona di salvezza”.

Al contrario, noi creiamo la vita che vogliamo lasciando andare quello che non ci serve e adottando nuovi sistemi di convinzioni e modi di essere che ci permettano di vivere veramente.

E’ una scelta, ovviamente. E’ la TUA scelta. Passerai un’altra giornata vivendo in piccolo per  far star bene tutti GLI ALTRI (e stando male tu, il più delle volte) o deciderai di saltar fuori dalla tua zona di comfort, prenderai la tua vita per le corna e darai un bel calcione alle tue insicurezze?

La vita è una sola…Non dimentichiamocelo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *